LE ESPOSIZIONI FELINE

 

Le esposizioni (cat shows), che vengono organizzate il Sabato e la Domenica dalle Organizzazioni Feline in Italia ed all'estero, sono un momento importante per un appassionato del gatto di razza (http://anfitalia.it/site/index.php?option=com_content&task=view&id=56&Itemid=55).

Sono importanti perchè i gatti vengono valutati da Giudici qualificati che danno una propria valutazione, in base allo standard di razzza, all'esemplare.

Da un punto di vista tecnico, è un'occasione per far valutare il proprio lavoro di selezione, da un punto di vista ludico, è un week end passato piacevolmente a conversare con persone che condividono la nostra stessa passione, a scambiarsi consigli ed a stringere nuove amicizie.

I gatti di razza possono essere di tre tipi: show quality, breeding quality e pet quality.

 

Il gatto "show" è un gatto che morfologicamente rispecchia interamente lo standard di razza e che caratterialmente è adatto a partecipare alle esposizioni.

 

Il gatto "breeding" è un gatto dotato delle caratteristiche morfologiche richieste dallo standard ma che, per qualche particolare (esempio guanti non perfetti), non è adatto alle mostre.

 

Un gatto "pet" è un micio da compagnia ossia un birmano non adatto alla riproduzione poichè non rispetta lo standard di razza oppure è portatore di difetti trasmissibili geneticamente (strabismo, nodo alla coda, macchie bianche al di fuori dei guanti). Molto spesso un gatto viene ceduto da compagnia, anche se non porta difetti genetici, solo perchè la famiglia che lo accoglie non ha intenzione di impegnarsi nell'allevamento oppure perchè un Allevatore preferisce non diffondere la sua linea di sangue (ottenuta dopo tantissimi anni di duro lavoro di selezione). Al gatto da compagnia in passato veniva rilasciato un pedigree detto "chiuso" (not for breeding). Con questa chiusura si impedisce che i cuccioli, eventualmente nati da accoppiamenti con questo gatto, possano avere il pedigree.

Oggi il Certificato Not For Breeding viene rilasciato solo in caso di difetti morfologici ed è molto più difficile da ottenere.

 

A nessun gatto è preclusa la partecipazione alle mostre feline purchè sia dotato di regolare numero di LOI presente sul pedigree e delle vaccinazioni regolari.

 

 

LE ESPOSIZIONI FELINE: tutto quello che c’è da sapere

a cura di Chiara De Paolis

 

Il birmano è un gatto di bellissimo aspetto, elegante e i suoi occhi sanno conquistare chiunque: questo è un requisito che tutti i birmani hanno, sia che abbiate un cucciolo da compagnia, che da riproduzione, che da esposizione. E’ normale per chi abbia acquistato o desideri acquistare un esemplare di qualità espositiva, o semplicemente per chi abbia voglia di fare una bella ‘uscita’ insieme al proprio adorato birmano, desiderare di affrontare una esperienza espositiva.

 

Ma ci sono tante cose da sapere e tante regole, sia comportamentali che riguardanti la salute e la condizione generale del gatto, per non trovarsi impreparati per quella bellissima esperienza che è l’esposizione felina a cui molti di voi desiderino partecipare per la prima volta.

 

La cosa importante da ricordare sempre è che l’esposizione non è solo una mostra di bellezza, ma anche un luogo d’incontro tra amanti di gatti e allevatori, e vi consigliamo quanto più possibile di divertirvi e di trarre tanti spunti positivi, senza lasciarvi prendere troppo dall’ansia della competizione.

 

Il primo passo essenziale se decidete di iscrivere il vostro micio ad una expo, è assicurarvi che tutto quello che lo riguarda sia in regola. Deve essere iscritto al Libro delle Origini di una associazione di razza, e pertanto possedere pedigree e numero di LOI (se l’associazione è Anfi), che vi saranno richiesti su qualsiasi form (disponibili anche on-line) per le iscrizioni: ogni esposizione ha un suo modulo d’iscrizione. Il gatto dovrà aver compiuto i quattro mesi d’età alla data del primo giorno espositivo ed essere munito di libretto sanitario con le regolari vaccinazioni trivalenti e richiami e, se compiuto i 5 mesi d’età, essere vaccinato contro la rabbia da più di un mese e da meno di un anno (solo per l'espatrio). Dovrete essere sicuri che il vostro birmano escluda qualsiasi delle regole che possano pregiudicare la sua ammissione ad una esposizione che qui di seguito vi elenchiamo.

 

Non sono ammessi alle esposizioni:

 

• cuccioli che abbiano meno di 4 mesi compiuti

• Femmine gravide o che stanno allattando

• Gatti sordi (per i gatti bianchi è obbligatorio presentare un certificato di non-sordità)

• Gatti malati (che possono essere allontanati dall’expo insieme al proprietario e agli eventuali altri gatti dello stesso proprietario)

• Gatti ai quali sono state asportate chirurgicamente le unghie, a cui è stata tagliata la coda o le orecchie

• Gatti di casa non sterilizzati o non castrati entro i 10 mesi di età

 

Possono essere esclusi dalla “gara” invece:

 

• gatti aggressivi (per regolamento se due stewards non sono in grado di prelevare il gatto dalla gabbietta, sarà escluso dalla competizione) inoltre se il gatto è aggressivo per tre expo è a discrezione della Federazione non ammetterlo ai futuri show

• maschi che presentano anomalie testicolari (oltre i 10 mesi)

• gatti ai quali sono state date sostanze tranquillanti. (lo decide il veterinario)

• gatti che hanno ricevuto trattamenti cosmetici ad esempio un ritocco dei guantini

• gatti a cui sono state asportate chirurgicamente le unghie

• gatti con parassiti o comunque sporchi

• gatti affetti da nanismo

• gatti ciechi

• gatti affetti da strabismo

• gatti con macchie bianche non ammesse dallo standard

 

Può invece essere “negato” il certificato a:

 

• gatti non sterilizzati con nodi alla coda

• gatti con denti che fuoriescono eccessivamente dalla bocca (2mm)

• gatti con denti spezzati o tagliati

• gatti con eccessiva esposizione della lingua o dei denti

• gatti con strabismo

• gatti obesi

• gatti con deformazioni ossee

 

Detto ciò, è importante sapere che non è permesso agli espositori lasciare lo show prima dell’orario previsto per la chiusura, a meno che non vi siano problemi personali gravi o problemi di salute del proprio gatto: si raccomanda di avvertire la segreteria e il veterinario per avere il permesso di una uscita preventiva. E’ bene ricordare che lasciare una esposizione durante il suo svolgimento implica la possibilità di perdere i titoli conseguiti dal gatto. Ricordiamo inoltre che non è permesso lasciare i gatti in gabbia durante la notte, quindi se foste alla vostra prima esperienza soprattutto ‘fuori casa’ vi consigliamo di provvedere ad un alloggio che accetti gatti al suo interno.

Ogni altra avvertenza o divieto dati dalla segreteria e dall’organizzazione della singola esposizione vige come regola, e la sua trasgressione può comportare la squalifica dal concorso.

 

Il passo successivo all’accertamento delle regole previste per l’ammissione, è di pensare a tutto ciò che vi occorre durante tutta l’esposizione. E’ necessario portare libretto sanitario, ciotola per acqua, cibo (preferite il secco all’umido per evitare che il micio si sporchi), cassettina e lettiera, un disinfettante per trattare la gabbia prima di introdurre gli addobbi, dei giochini per il gatto (non indispensabili ma è fondamentale cercare di far stare il micio a suo agio), una piccola cuccetta dentro cui il gatto, soprattutto se alla prima esperienza, possa trovare rifugio e tranquillità, uno o due lucchetti per chiudere la gabbia nel caso in cui aveste necessità di lasciarla incustodita.

 

Indispensabile è l’addobbo per la gabbia (a cui necessariamente dovrete pensare in anticipo), che oltre a dare comodità ai gatti rende la gabbia esteticamente bella. In genere l’addobbo è formato da un fondo gabbia e da tendine che possano essere legate ai lati della gabbia. Le gabbie possono essere singole o doppie e le loro rispettive misure sono 70x70x70 e 140x70x70.

E’ opportuno specificare nelle note a fondo del modulo d’iscrizione se si esige di una gabbia singola o doppia.

E’ consigliabile utilizzare per gli addobbi della stoffa di tipo acrilico in quanto si sgualcisce meno, per il resto l’addobbo è un abbellimento ed ognuno è libero di usare tutti gli oggetti e tutti i colori a proprio piacimento: vi assicuriamo che è molto divertente creare la ‘scenografia’ per la propria gabbia!

 

Ovviamente è essenziale toelettare bene il gatto, dopo avergli spuntato sapientemente le unghie (è obbligatorio presentarlo con le unghie spuntate), qualche giorno prima della esposizione: i giudici badano molto alla condizione estetica del gatto (in fin dei conti parteciperete ad un concorso di bellezza!) ed è essenziale presentarlo con il pelo pulito e soffice, privo di nodi, setoso e sgrassato al meglio possibile, facendo ben attenzione che i guanti siano pulitissimi, in quanto sia anche evidente un maggior contrasto di toni nelle varietà più chiare come il lilac.

 

Un consiglio che vi potrà tornare molto utile è di non permettere a chiunque dei visitatori di toccare il vostro gatto, in quanto toccare gatto dopo gatto può portare alla diffusione di batteri e malattie (allo sopo esistono delle retine da apporre alla parte anteriore della gabbia per evitare che i gatti vengano toccati).

Sarete così pronti per il giorno dell’esposizione!

Accertatevi al vostro arrivo in expo con il catalogo alla mano che vi verrà consegnato all’entrata, che il vostro gatto compaia in elenco, e che sia stato inserito nella classe corretta, con gli altri birmani dello stesso colore. Se foste incerti sul colore del vostro micio, dovrete richiedere la conferma colore, rivolgendovi subito al vostro arrivo alla segreteria o preventivamente richiedendola on-line nel formulario stesso dell’iscrizione, che verrà effettuata prima dei giudizi.

 

Il gatto non viene ne’ riconosciuto ne’ chiamato per nome, ma avrà un numero identificativo che vi sarà consegnato in una busta: è bene impararlo a memoria o tenerlo visibile sempre ed essere attenti allo svolgimento dei giudizi, in quanto verrà chiamato il suo numero quando verrà il momento di portarlo dal giudice che vi è stato assegnato. E’ buona norma (anche di rispetto verso giudici ed altri espositori) portarlo dal giudice il più celermente possibile: il ritardo di un gatto al giudizio può rallentare tutto lo svolgimento della competizione e può implicare la squalifica del vostro gatto. Seguite attentamente il giudizio che vi verrà descritto dal giudice, senza intervenire direttamente se non siete interpellati. Nel caso in cui vi accorgiate di qualsiasi irregolarità è obbligatorio rivolgersi e segnalarla immediatamente alla segreteria, mai al giudice!

 

CATEGORIE

  

I gatti non concorrono tutti insieme ma in diverse sezioni (a seconda del sesso), in diverse categorie (a seconda della razza) ed in diverse classi (a seconda dell'età e della carriera espositiva).

 

 

I gatti sono divisi in base al sesso in maschi, femmine, maschi neutri e femmine neutre.

Le categorie dividono i gatti in base alla lunghezza del pelo.

 

1 categoria: gatti a pelo lungo o gatti di tipo persiano (persiani, esotici)

 

2 categoria: gatti a pelo semilungo (birmani, norvegesi, maine coon, ragdoll, siberiano, angora turco, turco van ecc..)

 

3 categoria: gatti a pelo corto (british, certosino, abissino, burmese, burmilla, singapura, mau egiziano, sphinx, devon rex, cornish rex ecc..)

 

4 categoria: gatti di tipo orientale (siamese, orientale, balinese, javanese, peterbald, sechellois).

 

In base all'età i gatti sono divisi in cuccioli dai 4 ai 7 mesi, dai 7 ai 10 mesi e adulti.

In certe esposizioni si può trovare la classe "Veterani" oer i gatti che hanno compiuto i 7 anni.

 

 

CLASSI

  

Le classi costituiscono i gradini del "cursus honorum" del gatto inoltre alcune classi sono riservate a categorie specifiche di gatti senza pedigree.

 

classe 14: gatti di casa (anche il micio di casa può partecipare ad un'expo felina)

 

classe 13: conferma colore (quando non si è sicuri del colore di un micio lo si fa valutare da un giudice)

 

classe 13 bis: noviziato (qui vengono valutati i gatti che rispecchiano le caratteristiche di razza pur non avendo un pedigree; dopo un certo numero di "eccellenti" nel noviziato, possono ottenere il pedigree)

 

Dalla classe 12 comincia veramente il campionato.

I giudizi vengono assegnati ai gatti divisi per razza e per colore.

Al migliore "eccellente" (EX1) viene assegnato anche il certificato.

I cuccioli possono ottenere solo certificati.

Gli adulti concorrono nelle classi dispari, i neutri nelle pari.

 

classe 12: cuccioli 4-7 mesi

 

classe 11: cuccioli 7-10 mesi

 

classe 10 - classe aperta neutri (CAP): ottenuti 3 certificati CAP si diventa Premior e si passa alla classe successiva

 

classe 9 - classe aperta (CAC): ottenuti 3 certificati CAC si diventa Champion e si passa alla classe successiva

 

classe 8 - Premior (CAPIB): ottenuti 3 CAPIB, in due Paesi diversi, si diventa International Premior e si passa alla classe successiva

 

classe 7 - Champion (CACIB): ottenuti 3 CACIB, in due Paesi diversi, si diventa International Champion e si passa alla classe successiva

 

classe 6 - Intenational Premior (CAGPIB): ottenuti 6 CAGPIB, in 3 Paesi diversi (oppure 8 in 2 Paesi diversi), si diventa Gran International Premior e si passa alla classe successiva

 

classe 5 - International Champion (CAGCIB): ottenuti 6 CAGCIB, in 3 Paesi diversi (o 8 in 2 Paesi diversi), si diventa Gran International Champion e si passa alla classe successiva

 

classe 4 - Gran International Premior (CAPS): ottenuti 9 CAPS, in 3 Paesi diversi (o 11 in 2 Paesi diversi) si diventa Supreme Premior, terminando il campionato adulti neutri

 

classe 3 - Gran International Champion (CACS): ottenuti 9 CACS, in 3 Paesi diversi (o 11 in 2 Paesi diversi), si diventa Suprem Champion, terminando il campionato adulti 

 

classe 2 - Supreme Premior: in questa classe si ottengono solo premi d'onore (PH)

 

classe 1 - Supreme Champion: in questa classe si ottengono solo premi d'onore (PH)

 

NOMINATION

  

Ogni Giudice assegna una nomination al gatto che secondo lui merita di partecipare al Best in Show.

I gatti nominati sono scelti all'interno delle singole categorie: ogni Giudice sceglie un cucciolo 4-7 mesi, un cucciolo 7-10 mesi, una maschio e una femmina adulti ed un maschio e una femmina neutri.

 

I BEST

 

Best in Variety (BIV): è un premio prestigioso dato al migliore gatto di ogni razza e di ogni varietà di colore, purchè ce ne siano almeno 3 o più a competere nello stesso colore tra adulti e cuccioli (i neutri sono esclusi).

  

Best in Show (BIS): è una competizione intra-categoria riservata ai gatti nominati dai Giudici.

Ci sono 4 Best in Show: uno per i gatti di casa, uno per i cuccioli (si sceglie tra il migliore 4-7 mesi ed il migliore 7-10 mesi), uno per gli adulti (viene scelto tra il migliore maschio e la migliore femmina) e uno per i neutri (viene scelto tra il migliore maschio e la migliore femmina).

  

Best opposite Sex (BOS): il premio Best opposite Sex è assegnato nelle sezioni cuccioli, adulti e neutri al gatto "battuto" nello scontro diretto da cui l'altro è risultato vincitore del Best in Show tra il maschio e la femmina (il vincitore è BIS, il perdente è BOS).

 

Best of Best (BOB): i vincitori del BIS partecipano al BOB che è una competizione extra-categoria . Vengono cioè messi in comparazione i BIS cuccioli di tutte e quattro le categorie, i BIS adulti e i BIS neutri; alla fine di avrà per cuccioli, adulti e neutri BOB 1, 2, 3,4.

 

 

MASTER ALLEVATORE FELINO
MASTER ALLEVATORE FELINO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coccarda per il superamento dell'esame al Corso per Allevatori PawPeds G1 FIFE

SOCIO A.N.F.I.
SOCIO A.N.F.I.
SOCIO A.I.BIR.
SOCIO A.I.BIR.

SOCIO A.GA.Bi.

Micimiao tutto quello che vi serve sapere sui gatti

 

 

 

 

 

 

http://www.micimiao.it/

zooplus.it