E' un gatto COLOURPOINT ha cioè le estremità colorate rispetto al corpo chiaro: il colore infatti si concentra su muso, orecchie, zampe, genitali e coda.

 

Come tutti i gatti colourpoint, il Birmano ha gli OCCHI BLU; gli occhi devono essere "deep blu" di un blu profondo; gli occhi solo "azzurri" sono considerati un difetto.

 

Caratteristica particolare di questa razza sono i GUANTI bianchi all'estremità delle zampe: su quelle anteriori devono coprire le dita mentre su quelle posteriori devono terminare a forma di V rovesciata sul retro e devono essere il più possibile simmetrici.

 

 

CARATTERE

 

Fra le varie razze feline, il Birmano spicca per la sua natura dolce, amabile, buona, fiduciosa e gentile.

I birmani sono gatti relativamente tranquilli con una voce raffinata e delicata, adorabili compagni di vita e leali con i loro proprietari.

Desiderano l'attenzione da parte degli umani. I gatti birmani sono giocherelloni e abbastanza attivi.
 È un gatto dalle eleganti movenze, il suo sguardo è rivolto sempre verso quello dell'uomo con estrema intensità. Accarezzarlo è piacevole per la particolare tessitura serica del pelo.

La convivenza crea un rapporto molto stretto col padrone, in casa è una presenza costante ed ha un carattere forte e vitale.

È un gran giocherellone anche da adulto, non ama giocare da solo ma con il suo compagno umano.

Il gatto Sacro di Birmania è molto adatto alla compagnia dei bambini, infatti pur essendo molto giocherellone non è mai aggressivo e non si rivolta mai verso gli umani, ma tende a stabilire con loro un rapporto intenso ed a volte esclusivo.

Il birmano si contende i giochi con i bimbi di casa, soprattutto i pupazzi di peluche che tende a portare in giro come fossero orsacchiotti da tenere nel letto la notte.

Tutte le scatole e buste aperte sono sue, infatti adora nascondersi o intrufolarsi all'interno, spesso viene trovato nella busta della spesa. 

Sono molto intelligenti e facili da educare e sono stati paragonati ai cani.

Trattati con dolcezza e pazienza, non esiste gioco che un birmano non riesca a imparare.

Più di un gatto birmano va a prendere e riporta il giocattolo al suo padrone come farebbe un cane con la palla.  

Amano essere coinvolti in quasi tutte le attività di casa dei loro proprietari e di tutta la famiglia, ma se poi si rivelano troppo movimentate si ritirano alla chetichella per un tranquillo sonnellino.

  

 Una particolarità della maggior parte dei maschi di questa razza, per la quale sono stati soprannominati "gentilgatti" , è quella di aspettare, per cibarsi, che eventuali femmine e piccoli abbiano finito di mangiare.

 


A CHI E' CONSIGLIATO 

 

 

Il gatto birmano è un gatto che vive bene in appartamento.

Instaura un forte rapporto con il padrone tanto da diventare affettivamente dipendente da lui.

Per tale motivo soffre a stare troppe ore in solitudine.

Se per motivi di lavoro rimane solo a casa per troppe ore della giornata, si può parzialmente rimediare prendendo un altro gattino che gli tenga compagnia.

È consigliabile giocare con lui almeno due ore al giorno, o, se avete tempo, anche di più.

Odia l'indifferenza.

Ama fissare lo sguardo del suo padrone anche per molto tempo.

È adatto a giocare con bambini per la sua natura giocosa, oppure a persone anziane che necessitano di una compagnia affettuosa e rilevante.

 

 

ALIMENTAZIONE

 

 

Il gatto Birmano non soffre di obesità ed è in grado di autoregolarsi.

Un'alimentazione sana è costituita da crocchette sempre a disposizione affiancate da una ciotola di acqua fresca e una porzione di cibo umido (carne e/o pesce) mattino e sera.

Degli integratori multivitaminici per i cuccioli fino all'anno di età e nei periodi di muta (o di particolare stress) sono consigliati.

 


CURE ED ATTENZIONI

 


Il pelo: non è dotato di sottopelo, per cui difficilmente si infeltrisce o si annoda.

Per mantenerlo serico e brillante, oltre ad una alimentazione di qualità, sono sufficienti poche spazzolate alla settimana.

Nei periodi di muta è meglio spazzolare il pelo frequentemente ed effettuare un bagno mensile per rinnovare il manto eliminando il pelo morto e favorendo la crescita di quello nuovo.

Gli occhi: non soffrono di lacrimazione eccessiva per cui la pulizia si limita ad essere eseguita una volta a settimana con una garza imbevuta di infuso di camomilla.

Le orecchie: possono essere pulite con una garza asciutta, sfregando delicatamente verso l'esterno.

Le unghie: possono essere spuntate di qualche millimetro ogni qualvolta sia necessario per evitare incidenti durante il gioco tra gatto-gatto o gatto-uomo.

 


ALLEVAMENTO E SELEZIONE

 


Il Sacro di Birmania, per il suo standard così preciso e per le caratteristiche genetiche che lo definiscono, è una razza di difficile selezione.
Geneticamente è molto complicato ed è molto difficile avere cuccioli in standard nella sua espressione ideale. Riproduttori da esposizione non danno necessariamente alla luce cuccioli dello stesso livello.

Nelle linee più recenti, grazie al lavoro di selezione effettuato dagli allevatori, si sono eliminate quasi definitivamente difetti genetici come lo strabismo agli occhi o i nodi alla coda.
Chi cerca semplicemente la compagnia di un cucciolo trova la sua risposta nel Birmano per il suo carattere particolarmente affettuoso, anche se esso presenta piccole variazioni di standard (ciuffetti di pelo bianco sul corpo o scuri sui guanti) che lo squalificherebbero in esposizione.

MASTER ALLEVATORE FELINO
MASTER ALLEVATORE FELINO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coccarda per il superamento dell'esame al Corso per Allevatori PawPeds G1 FIFE

SOCIO A.N.F.I.
SOCIO A.N.F.I.
SOCIO A.I.BIR.
SOCIO A.I.BIR.

SOCIO A.GA.Bi.

Micimiao tutto quello che vi serve sapere sui gatti

 

 

 

 

 

 

http://www.micimiao.it/

zooplus.it